Archivi del mese: novembre 2006

CONCORSO DECOLUCY (9° lavoro)

I girasoli mi piacciono molto, era da tanto che pensavo a questa carta ma non riuscivo a decidere come usarla. Ecco il risulatato del lavoro.

La scalotina è in latta.
Ho passato due mani di gesso, scartavetrato.
Due mani di colore bianco (si scurisce dopo), scartavetrato.
Ho stampato la parte di immagine che mi interessava, ritagliato i tre fiori, fatto varie prove di composizione e poi incollato.
Ho dato una mano di vernice finale.
Ho miscelato gli acrilici per ottenere il verde che mi serviva e con un pennellino molto sottile ho disegnato i gambi dei fiori e la foglia (per rendere più uniforme, il verde non era proprio perfetto, ho ripassato il picciolo del bocciolo).
Ho dato altre mani di vernice finale, quando mi sembrava “finito” ho proceduto col craquelè (sto cercando di imparare a farlo!!!)
Ho steso uno strato di colla (vinavil diluito), appena ha perso il bianco (tipico della colla vinilica) ho steso uno strato di vernice finale e fatto asciugare col phon.
Ho atteso un po’ per scurire le crepe con il colore ad olio, ho eliminato l’eccesso e dato altre due mani di vernice finale.

CONCORSO DECOLUCY (8° lavoro)

Un altro lavoro preparato per il concorso di Decolucy
 

Ho passato bene il vaso con l’alcool
Visto che lo uso per portacandele, ho voluto colorarlo ma lasciando intravedere il più possibile il riflesso della luce.
Ho steso il prodotto per il craquelè, dopo aver atteso il tempo indicato ho passato col tamponcino (ho fatto tesoro dei suggerimenti ricevuti) l’acrilico miscelato per ottenere un rosa delicato.
Colorato con l’acrilico oro il bordo superiore e il piede del vaso.
Ho incollato l’immagine.
Passato varie mani di vernice finale.

UTENTI ON LINE

users online

QUANTO VALE IL TUO BLOG


My blog is worth $7,903.56.
How much is your blog worth?

CURIOSITA’

                          

               Photobucket-Video and Image Hosting

 Photobucket-Video and Image Hosting

ALTRI BANNER

ANGIOLETTI

Degli angioletti che si possono fare con poca spesa e coinvolgendo anche i nostri figli.

Servono delle pigne, delle sfere (queste sono in legno quelle che per profumare gli armadi, queste non profumavano più, ma potrebbero essere di polisterolo, o fatte anche col das), un pò di cartoncino, carta dorata, colori, pistola a caldo e colla.
Per prima cosa si colora il viso,
si fanno i capelli e l’aureola col das,
intanto che asciugano, si ritagliano da un cartoncino le ali che vengono poi ricoperte da carta dorata.
Si colorano i capelli e si unisce tutto con la colla a caldo.
Ora manca solo il cordino per appenderli.

CONCORSO DECOLUCY (7° lavoro)

Settimana scorsa sono arrivate le nuove carte di Decolucy, appena le ho viste mi sono subito immaginata il lavoro finito. Eccolo

l’immagine che ho utilizzato è questa

Image Hosted by ImageShack.us

Il supporto è una targhetta di legno 15×11
L’ho scartavetrata,
pulita dalla polvere,
dato due mani di gesso,
scartavetrata
una mano di bianco (fino qui su tutti e due i lati)
sul davanti:
ho steso del colore azzurro, per dare l’effetto del cielo ho diluito il colore con l’acqua
ho adattato l’immagine alle dimensioni della targhetta
ho stampato tre volte l’immagine
ritagliato con attenzione soprattutto gli aghi del pino
ho fatto varie prove per rendere l’immagine reale come se il ramo fosse realmente piegato dal peso dell’orsetto, utilizzando più volte i rami
quando la composizione mi ha convinto ho incollato la figura
intanto che la colla era bagnata, col dito, ho tamponato i bordi con lo stucco (quello per tappare i buchi dei muri quando si imbianca) in modo di formare una cornice
ho deciso quali parti del disegno mettere in 3D per dare un effetto di profondità:
– 1 piano del lavoro in 3D
l’orsetto tralasciando il braccio che resta dietro il ramo
la mano che lo regge al ramo
le stelline
– 2 piano del lavoro in 3D
il musetto dell’orso con il fiocco
la mano che regge la stella
ho steso il das alto 1 mm circa ed ho incollato le immagini che volevo porre in rilievo,
ho ritagliato il das seguendo l’immagine della carta che avevo precedentemente ritagliato
una volta asciutto il das ho passato con la carta vetrata i bordi e ho controllato che le figure combaciassero perfettamente
ho proveduto ad incollare il primo piano col secondo
dopo aver colorato i bordi riprendendo i colori dell’immagine (altrimenti resterebbe il bordo bianco) ho incollato il 3D all’immagine sulla targhetta
quando il tutto è stato perfettamente asciutto ho passato varie mani di vernice finale facendo attenzione di raggiungere tutti gli angolini intorno alle immagini.

SFERA CON DECOUPAGE 3D

Un altro modo di decorare le sfere, il procedimento è un pò lungo …………. l’effetto finale giudicate voi!
La mezza sfera che resta dietro fa da sfondo al divisorio dove ho fatto il 3D, ma è bella anche esternamente.

Prima ho incollato le immagini che si vedono dall’esterno,
poi la carta di riso
infine le immagini speculari alle precedenti facendo in modo che combacino perfettamente con quelle attaccate in precendenza
ho passato la vernice finale

per il 3D servono 4 immagini uguali
le ho incollate su un cartoncino (di solito uso il das ma in questo caso, visto la dolcezza dell’immagine, avrei dovuto farlo molto sottile col rischio che si spezzasse durante la lavorazione)
una volta asciutto ho ritagliato con attenzione,
colorato i bordi riprendendo il colore dell’immagine e incollato le varie parti sul disco centrale

chiusa la sfera

e abbellita con un cordoncino

 

 ecco l’immagine della Madonna che ho usato (clicca l’immagine per ingrandirla)

SFERA CON DECOUPAGE

Le sfere natalizie si prestano ad essere decorate in un’infinità di modi.
Sfera decoupata con tovagliolo
 
si ricava il disegno che si vuole usare per la decorazione,
dopo aver pulito perfettamente con l’alcol l’interno della sfera
si incolla l’immagine facendo molta attenzione a non rompere il tovagliolo ed eliminado le bolle d’aria e le pieghe
quando è perfettamente asciutto passare il rovescio del tovagliolo per far risaltare meglio l’immagine
tamponare con il bianco o l’avorio tutta la sfera
passare un colore argento omogeneamente in modo che si intraveda dal colore precedente (per un effetto più "luccicoso" di può sostituire il colore argento con la carta stagnola molto sottile)
adornare la sfera con cordoncini o nastrini secondo il proprio gusto